NON PERDERTI NESSUN CONTENUTO

💌 ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER qb

La newsletter senza una data fissa che ti arriva quanto basta

moltiplica i contenuti

Cosa pubblicare? Moltiplica i tuoi contenuti facilmente

Sei spesso a corto di idee e non sai cosa scrivere sui social?

In questo articolo ti spiego come moltiplicare i tuoi contenuti attraverso una strategia che ti permette di sfruttare più volte lo stesso contenuto.

Come riutilizzare i tuoi contenuti

La riproposizione dei contenuti è una strategia di contenuti nella quale prendi un contenuto esistente, ne cambi il formato, e lo riutilizzi per postarlo nuovamente in modo da raggiungere così un numero doppio o triplo di persone.

In pratica con questa strategia puoi moltiplicare il pubblico che intercetti con molto meno sforzo di quello necessario per creare nuovi contenuti ogni singola volta che devi pubblicare.

Inoltre così facendo puoi adattare il contenuto a ciascuna delle piattaforme social che utilizzi massimizzando i risultati.

Gary Vee Content Strategy

Gary Vaynerchuk, più noto come Gary Vee, è il maestro di questa strategia di riutilizzo dei contenuti.

Gary Vee è imprenditore statunitense e, se lo segui, avrai certo notato della quantità infinita di contenuti che riesce a pubblicare su tutte le piattaforme.

Gary Vee ha un team di persone che lavora per lui, quindi magari starai pensando che la sua strategia non è applicabile al tuo caso.

In realtà questa strategia è molto semplice ed efficace se pianificata e organizzata al meglio.

Gare Vee in occasione del suo 44esimo compleanno ha fatto un regalo ai suoi follower e ha condiviso il suo metodo di lavoro per moltiplicare i contenuti in questo pdf:

How To Make 64 Pieces Of Content In A Day

Da quali contenuti iniziare?

Il primo passo per creare una strategia di contenuti è quello un po’ più faticoso, quello in cui dalle idee si passa alle azioni.

Una delle difficoltà che riscontro molto spesso quando faccio formazione è quello che le persone si sentono paralizzate, sovrastate da quella che viene definita sindrome dell’impostore.

Non paragonarti a chi crea contenuti da tempo

Ricorda che anche loro sono partiti da zero. Prova a cercare indietro nel tempo il primo video. di Gary Vee o si qualsiasi degli influencer che segui. Ti renderai conto di quanto sono cambiati sia in termini di sicurezza che di qualità di contenuti. Si migliora strada facendo.

Analizza le tue capacità

Scegli i contenuti che ti costa meno “fatica” produrre:  se non vuoi mostrare il tuo volto, accantona per un po’ i reel o i video.

Se scrivere mezza riga ti richiede uno sforzo pari alla scalata di un 8000m, allora magari non optare per la scrittura di un blog.

Keep it easy! 

Non cercare di complicarti subito la vita con grafiche, animazioni, gif, o effetti speciali. Rischi di perdere troppo tempo nella produzione di un singolo contenuto che non sai neppure se porterà risultati.

Parti da un contenuto semplice e sono in un secondo momento, quando padroneggerai le basi, aggiungi elementi.

Quantità o qualità?

Quando si parla di contenuti, non si può trascurare l’annosa diatriba qualità vs quantità:

meglio pubblicare molti contenuti o pochi ma di qualità?

La risposta non è così scontata: l’ideale sarebbe pubblicare molti contenuti di qualità.

Ma abbiamo davvero tutto questo tempo da dedicare ai contenuti?

Il content marketing è parte della strategia di marketing e ci serve per attirare e selezionare i giusti potenziali clienti (in questo articolo ho approfondito il discorso del cliente ideale), per dare informazioni gratuite e di valore ma se poi non vediamo, se non convertiamo in clienti… allora questa strategia è fallimentare e inutile.

È dunque necessario trovare un bilanciamento tra quantità e qualità.

Fase. 1: quantità di contenuti

Negli anni ho trovato un mio metodo di lavoro, che utilizzo anche con i clienti, e devo dire che i risultati sono decisamente interessanti.

Prima di tutto è necessaria un’analisi delle risorse a disposizione:

  1. TEMPO: quanto tempo si può dedicare ai contenuti? Attenzione che questa è valutazione da fare per un intervallo di tempo medio/lungo
  2. STRUMENTI: quali tool o skill abbiamo a disposizione? Non si può pensare di utilizzare Instagram se non si hanno delle belle immagini (indipendentemente se si tratta di fotografie, grafiche o video)

In una fase iniziale è normale metterci più tempo per la creazione dei post, con la pratica e la costanza poi si ottimizzano i tempi e anche le risorse.

Con queste informazioni, si passa alla strategia di contenuti: si parte da un numero elevato di contenuti.

Io uso Notion per organizzare idee e contenuti.

Non mi concentro molto sulla qualità e la perfezione, ma questo non significa pubblicare post a caso.

Raccogli dati e le informazioni

Questa prima fase quantitativa ti serve per raccogliere dati e informazioni.

Scegli un periodo abbastanza lungo di tempo (in funzione del numero di contenuti postati), potrebbe essere indicativamente un mese o due e rispondi a queste domande:

  • quali social funzionano meglio?
  • che tipo di contenuto piace di più?
  • quale post coinvolge maggiormente?
  • quale formato ottiene porta più risultato?

Con questi dati alla mano allora si passa alla seconda fase.

Fase 2: qualità dei contenuti

In questa seconda fase inizia a selezionare quello che funziona maggiormente per il tuo settore e il tuo pubblico: elimina i canali che ti portano meno risultati e concentrati su quelli con traffico più interessante.

Una volta che avrai consolidato i canali più proficui per te, riprenderai in mano anche il resto.

Concentrati sui social scelti e cerca di capirne la “grammatica”:

  • Cosa funziona di più?
  • Come devono essere scritti i post?
  • Ci sono delle funzioni che vengono premiate maggiormente?

Crea un contenuto pillar

Il primo contenuto da cui partire dovrebbe essere corposo, ad esempio un articolo, che scrivi per il tuo sito.

Questo ti porterà via magari un po’ di tempo nella stesura ma poi lo puoi sfruttare così tante volte che ammortizzi tutto lo sforzo iniziale.

1. Velocizza la scrittura con tool di dettatura vocale

Prima di tutto poiché siamo più veloci a parlare che a scrivere, usa i tool che ti permettono di dettare il contenuto. Anche se dovrai comunque metterci le mani in seguito perché la dettatura non sarà perfetta, sarà in ogni caso più  rapido che scriverlo da zero

  1. usa dictation
  2. con documenti di google puoi usare lo strumento di dettatura

Digitazione vocale con i doc di Drive

E adesso vediamo quanti contenuti possiamo ricavare da un singolo articolo pubblicato sul blog

2. Trasforma l’articolo in una live

Fai una LIVE con il contenuto dell’articolo

  • usa Streamyard per andare live su LinkedIn e poi
    • condividi la live su YouTube
    • condividere la live su Facebook
    • usa il cell per andare live anche su Instagram
  • salva la live su IGTV

3. Crea una guida pdf

Trasforma l’articolo in una guida pdf

4. Usa la guida pdf come lead magnet

Le guide sono sempre un ottimo lead magnet. Adesso che ne hai creata una (o dieci) puoi

  • Regalare il pdf a chi si iscrive alla tua newsletter
  • Inviare il pdf a chi si connette con te
  • Permettere di scaricare l’articolo in formato pdf
  • Usa Beacon per fare lead generation

5. Crea delle slide con i punti principali

Sempre partendo dall’articolo, ricava delle slide con i punti salienti

  • usa keynote o powerpoint
  • sfrutta presentazioni di Google Drive

Pubblica la tua presentazione su  SLIDESHARE.

6. Ricava dei video dal testo

I video sono uno strumento eccezionale per colpire e attirare l’attenzione. Si possono ottenere dei video semplici e di grande effetto senza avere capacità di video editing.

Puoi usare:

7. Trasforma il contenuto in un podcast

Per avere un podcast non è necessario avere a disposizione uno studio di registrazione. È sufficiente il tuo cellulare e un buon microfono (anche le cuffie che usi per le tue telefonate!). L’importante è che l’ambiente circostante sia abbastanza silenzioso durante la registrazione.

Puoi usare uno di questi strumenti

8. Registra un video

Registra un video in cui racconti l’articolo o un tutorial, mostrando anche lo schermo se necessario.

Puoi usare:

9. Crea un audiogramma

Se non vuoi mostrare il tuo volto, puoi sempre utilizzare solo la tua voce e trasformarla in un audiogramma con Headliner.

10. Condividi sui social

Come pubblicare su LINKEDIN

  1. Copia parzialmente l’articolo su LinkedIn Pulse e invita a leggere il seguito sul sito
  2. Inserisci il pdf nei media della sezione informazioni di LinkedIn
  3. Pubblica l’articolo sulla pagina aziendale
  4. Invia il link ai potenziali lead
  5. Manda un vocale invitando a leggere l’articolo
  6. Pubblica un post con un riassunto sul tuo profilo personale (i post hanno più reach rispetto agli articoli) con una grafica e inserisci il link nei commenti come ho spiegato in questo tutorial
  7. Aggiungi il link all’articolo tra le pubblicazione sul tuo profilo LinkedIn
  8. Aggiungi il link all’articolo come media sotto l’esperienza professionale di LinkedIn
  9. Condividi un’immagine e un sommario del tuo articolo, aggiungendo il link, nei gruppi del tuo settore

Se vuoi capire meglio cosa pubblicare su LinkedIn, leggi questo articolo.

Come pubblicare su TWITTER

  1. Pianifica nel tuo calendario editoriale i diversi formati di contenuto

Come pubblicare su INSTAGRAM

  1. Aggiungi il link all’articolo nel link tree della Bio di Instagram.
  2. Fai una storia e rimanda al link in bio
  3. Pubblica i video su IGTV

Come pubblicare su FACEBOOK

  1. pubblica l’articolo dal blog
  2. scrivi un post e rimanda alle slide
  3. carica il video direttamente sulla piattaforma

Altri canali

  1. Condividi i tuoi articoli su altre piattaforme (Medium, Quora).
  2. Invia la newsletter con il link all’articolo.
  3. Aggiungi alla firma della tua email l’articolo pubblicato.

Da uno a centro altro contenuti

BENE. Fino a questo momento abbiamo solo convertito l’articolo in altri formati. Adesso andiamo a moltiplicare i contenuti scomponendo il tutto! Pronti?

Come moltiplicare i tuoi contenuti

  1. Scrivi un tweet
  2. Fai degli screen shoot al tweet e pubblicali su Ig, Facebook e LinkedIn
  3. Realizza delle gif con
    1. ghify
    2. Creatopy
  4. Usa Canva o Crello per realizzare della grafiche con le citazioni
  5. Ricondividi le grafiche nelle storie di IG e FB
  6. Ricava degli spezzoni dal video YouTube da pubblicare su tutti i canali
    • usa final cut o imovie per Mac
    • Davinci Resolve
    • Adobe
  7. Dividi in micropillole e pubblica su reel
  8. Prendi alcune frasi e ricavane finto tweet con Prankmenot
  9. Trasforma i paragrafi dell’articolo in post (aggiungi delle grafiche con Canva)
  10. Crea delle infografiche e pubblica su Pinterest
  11. Invia i tuoi articoli ai siti del tuo settore chiedendone la pubblicazione e la citazione.
    • Usa Semrush o Ahrefs per studiare i backlink dei tuoi competitors
  12. Simula una finta discussione su wa con https://fakedetail.com/fake-whatsapp-chat-generator
  13. Converti e raggruppa i post trasformandoli in un libro PDF
  14. Scrivi un post su LinkedIn e ricondividi l’articolo
  15. Fai delle live su IG e rimanda per approfondimenti all’articolo
  16. Fai delle live su FB e rimanda per approfondimenti all’articolo
  17. Fai delle live su LinkedIn e rimanda per approfondimenti all’articolo
  18. Cerca su Quora domande a cui rispondi nel tuo articolo e utilizza i testi dei tuoi blog per rispondere
  19. Riproponi gli articoli evergreen più datati
  20. Proponi i tuoi articoli come guest post ad altri siti
  21. Crea grafiche con frasi ispirazionali (piacciono sempre molto)
  22. Crea caroselli per Instagram con i punti salienti
  23. Trasforma i caroselli in video per i reel o le storie di IG
  24. Usa terze parti come repurpose
  25. Riproponi vecchi contenuti con Buffer, Postpickr o simili
  26. Organizza una stanza su Clubhouse per parlare con altri esperti
  27. Trasforma in commenti che ricevi in nuovi post o contenuti
  28. Rispondi alle domande creando altri post
  29. Raggruppa più post sullo stessa tema in liste (le liste piacciono moltissimo)
  30. Chiedi il parere di esperti del settore sul contenuto e trasformalo in un nuovo post
  31. Usa feedback ricevuti e condividili come post
  32. Fai un webinar
  33. Sfrutta i tool come Kapwing

Tips per la tua strategia di contenuti

Prima di concludere questo articolo voglio aggiungere ancora qualche consiglio utile:

  1. Inserisci nel tuo planning settimanale il tempo per il content marketing
  2. Raggruppa nello stesso momento la produzione di contenuti dello stesso tipo: tutti i post grafici
  3. Lavora in anticipo
  4. Segna tutte le idee in un unico posto e attingi
  5. Alterna contenuti evergreen a qualcosa di instant marketing
  6. Non postare mai oggi per oggi
  7. Prepara un calendario editoriale
  8. Alterna i contenuti: corti, lunghi, foto, caroselli, video, gif..
  9. Done is better than perfect
  10. Parti prima di essere pronto

Per non rimanere mai a corto di contenuti, segui il mio webinar sul piano e calendario editoriale

 

NON PERDERTI NESSUN CONTENUTO

💌 ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER qb

La newsletter senza una data fissa che ti arriva quanto basta

© 2017-2021 Heidi Iuliano – Tutti i diritti riservati – P.IVA 04219540160

Privacy Policy

Cookie Policy

Vuoi diventare un Pro di LinkedIn?

Scarica l’anteprima del libro e accedi al minicorso su LinkedIn

Consulenze

🔥 50% off 🔥

LinkedX VIP

Scopri come sfruttare LinkedIn per

attirare i GIUSTI clienti.

🔥 GRATIS 🔥
2 SESSIONI DI
CONSULENZA

Giorni
Ore
Minuti
Secondi