NON PERDERTI NESSUN CONTENUTO

💌 ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER qb

La newsletter senza una data fissa che ti arriva quanto basta

link esterni su linkedin

Link nei post di LinkedIn: sono (ancora) penalizzati?

Qualche tempo fa avevo avevo condiviso un piccolo hack su come postare i link all’interno dei post, senza penalizzare la reach:
Link al commento
  1. Scrivi il post SENZA link
  2. Aggiungi il link nei commenti
  3. Clicca sui tre puntini nella parentesi
    • copia il link DEL COMMENTO
  4. Posta questo link nel post originario
  5. Il link viene automaticamente personalizzato e accorciato da Linkedin una volta salvata la modifica

Cos’è un link esterno a LinkedIn

Quando si parla di link esterni, si intende
  • un video di youTube
  • un link che porta al tuo blog
  • un collegamento per un documento da scaricare
  • un sito ad una risorsa di approfondimento
E se non fosse più necessario l’hack che ti ho appena spiegato?
Ho letto un po’ di test effettuati negli ultimi mesi e a quanto pare non è più necessario questo trucchetto per inserire i link (leggi qui il blog ufficiale di LinkedIn sulla condivisione dei link).
Il tutto è scaturito da un articolo di Linkedin stesso rilasciato a maggio 2020

Come viene calcolato il feed ranking di LinkedIn?

Partiamo dal presupposto che se Alice [ndr un ipotetico lettore] dovesse vedere il post di Bob e trovarlo pertinente, farebbe clic su di esso per interagire con il contenuto, l’autore o la conversazione. In particolare, può reagire (“Mi piace”, “Festeggia”, ecc.), commentare o ricondividere: queste tre opzioni sono quelle che chiamiamo “azioni virali” perché possono avere effetti di rete a valle e/o a monte.
Ad esempio, la ricondivisione propagherà l’articolo a valle, poiché le connessioni di Alice vedranno l’articolo nel loro feed.
D’altra parte, un commento di Alice avrà un effetto a monte, in quanto fornisce un feedback prezioso al creatore (Bob) che potrebbe incoraggiarlo a pubblicare più spesso.
Pertanto, per ogni aggiornamento dei candidati, dobbiamo considerare sia la probabilità di coinvolgimento di Alice, sia i potenziali effetti a valle e a monte sulla sua rete di conseguenza.
Partendo da queste considerazioni, le analisi di LinkedIn sono andate a fondo per determinare non solo il click in sé ma anche il tempo prima di fare un’azione di “skip or not” su un singolo contenuto:

te

We are firm believers that time well spent is better than more time spent. Overall, we will continue working to understand members’ dwell time and incorporate our learnings to improve our members’ day-to-day experiences on the feed.
Ma come questo si collega ai link nei post di LinkedIn?
Bene, se LinkedIn pensa che mostrarti un link utile (che magari fa parte di un contenuto accattivante) potrebbe aumentare il tempo di permanenza complessivo, ciò potrebbe prevalere sul clic del link che ti porta fuori dalla piattaforma.

Cosa è cambiato nell’app di Linkedin

Un tale cambiamento di atteggiamento significherebbe che non ci sarebbe alcun valore nel ridurre la visibilità dei post contenenti link.
Inoltre, una recente modifica all’interfaccia utente di LinkedIn su dispositivo mobile è che i link esterni nei post vengono ora visualizzati in modo diverso.
Ciò significa che il contenuto esterno viene caricato direttamente nell’app mobile di LinkedIn ma che il post originale rimane visualizzabile nella parte inferiore dello schermo mentre viene visualizzato il contenuto esterno.
Lo avevi già notato?
È questa è una modifica importante considerando che la maggior parte degli utenti accede attraverso mobile.
Quindi via libera ai link, non ci resta che provare!
Per ulteriori approfondimenti sui link di LinkedIn e sui test effettuati, ti rimando all’autore dei test stessi:

 

NON PERDERTI NESSUN CONTENUTO

💌 ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER qb

La newsletter senza una data fissa che ti arriva quanto basta

© 2017-2021 Heidi Iuliano – Tutti i diritti riservati – P.IVA 04219540160

Privacy Policy

Cookie Policy

Vuoi diventare un Pro di LinkedIn?

Scarica l’anteprima del libro e accedi al minicorso su LinkedIn